i413: Rinnovo e nuove sottoscrizioni

Emendamento proposto 214

Eliminare le esternalizzazioni di servizi pubblici, previsione di una tassa patrimoniale.

Il criterio del profitto privato e della limitazione di spesa, nella erogazione dei servizi alla cittadinanza, non sono compatibili con i valori della Costituzione Italiana. Bisognerebbe gradatamente eliminare le esternalizzazioni dei servizi pubblici e gli appalti assumendo -con concorso pubblico e con contratto a tempo indeterminato- le figure tecniche in grado di erogare in economia i servizi alla cittadinanza (ad esempio, per la creazione e la manutenzione in tempi brevi di strade, ponti, edifici pubblici, le bonifiche di terreni inquinati, gli interventi per eliminare o prevenire i rischi di dissesto idrogeologico, per la cura delle persone fragili, per ripristinare gli organici ormai ridotti all'osso degli uffici pubblici preposti alla tutela di diritti fondamentali).
Allo stesso modo il debito pubblico non può continuare ad essere un'arma di ricatto da parte della ricchezza privata, nazionale ed estera.
Per abbattere queste ingiustizie occorre superare gli attuali vincoli europei, ma anche iniziare a contenere il debito pubblico, fonte di circa 80 miliardi di interessi l'anno, attraverso una apposita tassa patrimoniale, e imponendo un controllo democratico sulle istituzioni finanziarie nazionali ed europee.

Valutazione complessiva

Opinione complessiva dei partecipantiEmendamento non integratoEmendamento integrato